Pad Thai (original recipe)

PAD THAI
(TAGLIATELLE DI RISO SALTATI CON GAMBERI, SALSA DI TAMARINDO, UOVA E ARACHIDI)


Il Pad Thai (“fritto thai”) è uno dei piatti più rappresentativi della cucina Thai.
Io e mia sorella lo adoriamo.
Ogni volta che organizzo una cena orientale a casa mia, il Pad Thai, 
per la gioia di tutti gli amici, non manca mai!


INDICAZIONI
Tempo di preparazione ingredienti: 10 min
Tempo di cottura: 7 min

INGREDIENTI per 2 persone
200 gr tagliatelle di riso thailandese*
200 gr (o a piacere) di code di gambero
2 cucchiai di olio di semi di girasole
2 spicchi d’aglio
1 cipollotto tritato
2 cucchiai di arachidi tritati
2 uova
2 cucchiai di pasta di tamarindo **
4 cucchiai di salsa di pesce (“fish sauce”) *
2 cucchiai di zucchero
pepe nero macinato  q.b.
erba cipollina q.b.
lime e peperoncino a piacere
(* – ingredienti che si acquistano nei negozi orientali o semplicemente cinesi)
(** seguite le indicazioni per “sciogliere” la pasta, es. scaldandola a bagno maria o altro metodo indicato).

PREPARAZIONE
1. Mettete in ammollo le tagliatelle in acqua calda per circa 5/10 minuti, mentre preparate il resto.
2. scaldate il wok (oppure una padella larga e profonda) e tostate gli arachidi, poi toglieteli e metteteli da parte.
3. Mettete l’olio nel wok e fate soffriggere l’aglio e la cipolla.
4. Aggiungete i gamberetti, cuoceteli un paio di minuti e toglieteli e metteteli da parte.
5. Scolate le tagliatelle di riso (lasciandole belle “umide” di acqua) e versatele nel wok.
6. A fuoco alto, unite il tamarindo, lo zucchero e la salsa di pesce. Mescolate.
8. Spostate le tagliatelle da una parte (nel wok) per far posto all’uovo, rompetelo a pezzettini e fatelo cuocere. Poi amalgamate tutto insieme.
9. Infine unite i gamberetti, l’erba cipollina e girate ancora (Se le tagliatelle risultano troppo secche, aggiungete acqua nel wok)
10. Aggiustate di pepe, spolverate con arachidi e accompagnate con lime e/o peperoncino a piacere.

NB La ricetta originale prevede anche l’aggiunta del germogli di soia e del tofu (a piacere), ma io non li ho messi perchè non mi piacciono.

CURIOSITA’: Il Pad Thai è uno dei piatti più conosciuti e amati dagli occidentali. Ma lo sapete che in Thailandia non è così tanto popolare? I Thai, infatti, preferiscono il classico Kao pad (riso thai) oppure Guay Tiew (noodles in brodo oppure saltati in padella).

CONFESSO: Allora, la cosa più difficile del Pad Thai è ottenere quel sapore dato dalla salsa di tamarindo. In realtà, nei negozi orientali esistono dei preparati e salse già pronte per l’uso. Basta cuocere a fuoco alto le tagliatelle con il preparato, unendo tutti gli ingredienti. Il risultato è garantino… già testato dalla sottoscritta!

Pad Thai scritto in Thai:
??????




Apostilla-Nov. 2012: Questo ero uno dei miei primissimi post e le foto e le spiegazioni precedenti non erano un gran che e così, mi sono permessa di revisionare leggermente il post. 
In ogni caso, trovate una versione più semplice del pad thai qui: (pad thai my style).

Grazie per essere passati di qui!

Vaty




7 Comments

  • cosimo ha detto:

    Nel piatto che ci presenti, tra gli ingredienti ci sono i gamberetti, allora ti riporto un piatto tipico della zona pugliese dove io abito. E’ un piatto di mare e di terra che va bene sia come pranzo che come cena. Ottimo da matti!!
    Buon appetito, Vaty:-))

    ‘TIELLA’ DI RISO PATATE E COZZE

    400 gr di riso
    1 kg di cozze
    1 kg di patate
    200 gr di pomodorini
    1 spicchio d’aglio
    una cipolla tagliata a fette
    1 mazzetto di prezzemolo tritato
    olio a piacere
    sale e pepe q. b.

    in una teglia oleata fare un letto di fette di patate, irrorare con un filo d’olio ed aggiungere i pomodorini tagliati a metà qualche fetta di cipolla, sale e pepe. Fare un secondo strato di cozze, precedentemente aperte in padella e sgusciate. Condire con prezzemolo aglio a olio. Cospargere con il riso crudo cercando di coprire tutte le cozze, versare un po’ d’olio le rimanenti fette di cipolla, salare e pepare. Preparare un ultimo strato di patate e condire come sopra. Coprire con qualche mestolo d’acqua. Infornare inizialmente a 200°C, quando bollirà, abbassare a 180°C. Cuocere per un’ora e servire caldo.

    vino bianco secco, Sansevero del Tavoliere, servito a 10°C.

  • Laura ha detto:

    mmmmm…che buonoooooooo….almeno deve esserlo. Grazie per la ricetta.

  • Vaty ha detto:

    Buona sera ad entrambi!
    Un grazie speciale a Cosimo..
    Non la conoscevo questa ricetta ma non vedo ora di provarla! Grazie 10000000!

  • vitto e libri ha detto:

    wow da provare! e che belle foto!

  • Francesca ha detto:

    mi hai fatto venire voglia di provarla!!!!

  • Vaty ha detto:

    E’ veramente un piatto buonissimo. Se trovi gli ingredienti, prova, non e’ difficile 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *